CIMBERLE Aldo

CIMBERLE - Foto

 

Aldo Cimberle nasce nell’aprile del 1911. Frequenta le scuole d’arte sin da ragazzo e si dedica alla pittura e al disegno litografico. Tra il 1935 e il 1940 si reca in Somalia, Etiopia e Libia. Prigioniero di guerra in Egitto per cinque lunghi anni ha egualmente modo tra il 1944 e il 1945 di continuare a dipingere presso la “ Welfare art Sudios” al Cairo, come insegnante di disegno eseguendo per il comando inglese della RAF, quadri e pannelli di grandi dimensioni.

Rimpatriato nel 1946, apre uno studio di grafica pubblicitaria e illustrazioni a Torino, attività che lo assorbe per gran parte della sua vita, parallela alla creazione artistica nella difficile tecnica dell’acquarello.

Nel 1953 fece la sua prima personale alla “Saletta Gissi” di Torino.

Compie diversi viaggi in giro per il mondo da cui ricava spunti e impressioni, dal mar Nero al Senegal, dal Marocco in Israele e tra le Alpi, per le sue opere. Visita la Francia che lo porta a scoprire le bellezze della Normandia e della Bretagna, soggetti a lui molto cari.

Frequenta il “Corso libero del Nudo” presso l’Accademia Albertina di Torino.

Socio della Società Promotrice delle Belle Arti di Torino dal 1953 e del Piemonte Artistico Culturale dal 1959. Viene invitato a far parte dell’Associazione Italiana Acquarellisti di Milano.

La sua attività pittorica lo porta a partecipare a molte collettive nazionali e numerose sono state le sue mostre personali in tutta Italia.

Muore a Torino il 27 Marzo 1996.

BRUNETTO Silvio

Silvio Brunetto nasce il 30 agosto 1932 a Ceretta di San Maurizio Canavese (Torino).

brunetto_sSi iscrive giovanissimo ai corsi di figura delle Scuole San Carlo in provincia di Torino e nel 1951 frequenta il Museo Civico d’Arte Antica dove ammira gli antichi maestri e ne riprende con rapidi schizzi le linee essenziali.

Nel 1952 si iscrive ai corsi di nudo dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. Si interessa particolarmente al disegno dell’incisore Foglione, alla pittura del maestro Vellan, alla fantasia surreale dei Surfanta ed a Maria Lisa.

Osservando gli insegnamenti di M. Boglione espone dal 1953 al 1955 con il “Gruppo Bianco e Nero” alla Galleria della “Gazzetta del Popolo” e alla mostra del Bianco e Nero nelle sale di Torino.

Nel 1962 espone per la prima volta al Piemonte Artistico Culturale

Nel 1967 entra a far parte dei soci della Società Promotrice delle Belle Arti di Torino, ed inaugura la prima personale alla galleria Bottegaccia di Giaveno (TO). Vince il Premio al Trofeo nazionale Gancia, Mango d’Alba, ed il premio di Pittura Navetta d’Oro, Città di Chieri, EPT-Pro Moncalieri.

Nel 1969 partecipa alla Prima Biennale d’Arte Figurativa Contemporanea.

Nel 1971 entra a fare parte del Circolo degli Artisti di Torino e partecipa all’ Esposizione Annuale del Circolo degli Artisti di Torino e vi espone annualmente fino al 1982 insieme a Ottavio Mazzonis, Virgilio Audagna, Angelo Salietti, Felice Vellan, Roberto Terracini e Giuliano Emprin.

Nel 1974 collabora con lo scultore Virgilio Audagna alla scuola di perfezionamento artistico realizzata a Cinaglio d’Asti. Presso questa scuola è custodita una collezione di calchi in gesso dei maggiori capolavori classici ad opera dell’artigiano modellatore Emanuele Gonetto.

Nel 1988 gli viene dedicato un opera monografica a cura di A. Mistrangelo.

Nel 1989 espone con una mostra personale a Tokyo presso la Galleria Hyakugo. Partecipa, inoltre, ad una esposizione collettiva “Pittori e scultori da Torino a Volgograd”, Sala delle Esposizioni dell’Unione degli artisti, Provincia di Torino, Regione di Volgograg,Volgograd.

L’artista partecipa e vince diversi concorsi , rassegne e premi sia in territorio piemontese sia in territorio nazionale. Numerose sono state le esposizioni personali e collettive presso gallerie d’arte piemontesi e non, oltre perse manifestazioni curate dagli Assessorati alla Cultura della Regione Piemonte in molte località. Ricordiamo, inoltre, la collaborazione con gli scrittori torinesi per la realizzazione delle copertine dei loro libri: come nel caso del giallo di Pier Massimo Prosio “Natale al Castello”, Edizioni Fogola.

Nel 2003 al Circolo degli Artisti viene presentata una monografia dal titolo “Il Fascino della Neve” a cura di A. Mistrangelo in cui viene ripercorso tutto la sua attività pittorica.

LODOLA Marco

Marco Lodola nasce a Dorno (Pavia) nel 1955. Frequenta l’Accademia di Belle Arti a Firenze e a Milano, conclude gli studi discutendo lodola_muna tesi sui Fauves che con Matisse saranno un punto di riferimento per il suo lavoro, come anche Fortunato Depero ed il Beato Angelico.

Agli inizi degli anni ’80, a Milano, attraverso la Galleria di Luciano Inga Pin, ha fondato con un gruppo di artisti il movimento del Nuovo Futurismo, di cui è stato il principale teorico il critico Renato Barilli.

Sin dall’inizio dell’attività, la ricerca dell’utilizzo dei materiali industriali poveri, come il plexiglass, il perpex e gli smalti sono già fondamentali per il suo lavoro creativo, per poi giungere ad esperienze innovative. Li utilizza per ottenere delle immagini che rimandano direttamente ai suoi altri interessi culturali: dalla musica al cinema, dalla pubblicità al fumetto.

Dal 1983 ha esposto in grandi città italiane ed europee come Roma, Milano, Firenze, Bologna, Parigi, Lione, Madrid, Barcellona, Vienna, Amsterdam.

Ha partecipato ad esposizioni e a progetti per importanti industrie quali Swatch, Coca Cola, Titan, Vini Ferrari, Grafoplast, Nonino, Dash, Harley Davidson, Ducati, Riva, Illy (collana di tazzine d’autore), Carlsberg, Valentino, Coveri, Fabbri, I Mirabili, Shenker, e Seat.

Nel 1994 è stato invitato dal governo della Repubblica Popolare Cinese ad esporre nei locali degli ex archivi della città imperiale di Pechino.

Nel 1996 ha iniziato a lavorare negli Stati Uniti: Boca Raton, Miami e New York.

Ha partecipato alla XII Quadriennale di Roma e alla VI Biennale della Scultura di Montecarlo. Sono diverse le sue collaborazioni con scrittori contemporanei tra cui Aldo Busi, Marco Lodoli, Giuseppe Pulina, Claudio Apone, Tiziano Scarpa e Giuseppe Cederna.

Nell’estate del 1998, la Saatchi & Saatchi lo incarica di eseguire i disegni per le affiches di Piazza del Popolo a Roma, per l’Opera Lirica Tosca di Puccini. Nel medesimo anno fonda il “Gruppo ’98” impegnato a collegare artisti di diverse discipline, attraverso un’azione trasversale. Il manifesto del movimento viene reso pubblico nel suo studio-atelier di Pavia, un’ex-fabbrica aperta a: scrittori, musicisti e fotografi dove realizzano incontri interdisciplinari. Questo spazio verrà chiamato “LODOLANDIA”. Tale iniziativa produce effetti positivi, infatti lo scrittore Aldo Busi invita Lodola ad illustrare un volume del seicento del giapponese Ihara Saukaku per l’editore Frassinelli, anche Marco Lodoli, suo quasi omonimo, gli chiede di disegnare le copertine dei suoi romanzi. Sono stati attivi in eguale misura i rapporti con il mondo della musica e dello spettacolo.

Nel 2000 Lodola, da sempre legato alla danza, è stato incaricato dal Teatro Massimo di Palermo di realizzare “Gli avidi lumi”, quattro totem luminosi alti sei metri, raffiguranti episodi significativi delle nove opere in cartellone. Per l’occasione è stato realizzato un video-documentario di Sergio Pappalettera. Le sculture rimarranno collocate nelle maggiori piazze della città, come è già avvenuto a Montecarlo, Riccione, Bologna Paestum al Castello Visconteo di Pavia, San Paolo del Brasile e a Cagliari.

Nel 2001 per il Premio Letterario Nonino è stato autore delle opere assegnate ai vincitori dell’edizione. Nello stesso anno è stato incaricato di curare l’immagine del Carnevale di Venezia. Per l’occasione la Fondazione Bevilacqua la Masa ha organizzato la mostra Futurismi a Venezia con opere sue e quelle di Fortunato Depero.

Nel giugno del 2002 ha creato la scultura luminosa dedicata alla figura del grande imprenditore Venceslao Menazzi Moretti, che è stata installata nel nuovo parco nella città di Udine, la dove sorgeva il primo stabilimento della famosa birra.

MANFREDI Sergio

 

Manfredi Sergio
Sergio Manfredi è nato a Torino il 6 ottobre 1932. Sin da giovanissimo inizia a studiare sotto la guida del suo primo maestro Piero Ferraris. Più tardi sarà allievo di Carlo Musso che ne completerà la formazione artistica. Frequenta intanto gli studi di Alessandro Lupo, di Cesare Maggi e di Adolfo Rolla. Segue i corsi di nudo all’Accademia Albertina di Torino e inizia ad esporre nel 1954 alla Promotrice delle Belle Arti di Torino poi alla Quadriennale nel 1955.
Frequenta gli artisti F.Velan, T. Deabate, A. Sicbaldi e I. Mus. Nel 1975 gli è stato conferito il premio Follini e nel 1980 il Premio Turbil del Circolo Artisti di Torino di cui è socio da tanti anni.
Dal 2007 soggiorna frequentemente a Marrakech in Marocco.
Dal 1966 ha esposto in molte gallerie d’arte di Torino, Milano, Cremona, Firenze, Asti, Cuneo, Alassio, Bergamo, Verona.

POMODORO Bruto

Nato a Milano nel 1961, Bruto Pomodoro inizia il suo percorso artistico nel 1994, lasciandosi alle spalle una lunga carriera dedicata al pomodoro_bdisegno scientifico.

Superate le prime esperienze figurative, approda ben presto a una personale ricerca pittorica, rigorosamente astratta, che cerca di coniugare lessici di alcune avanguardie astratte con una propria sintassi simbolico – narrativa, volta a investigare i misteri dell’evoluzione e dello sviluppo delle forme viventi attraverso un attento studio dei rapporti cromatici e compositivi.

Dai due primi cicli, denominati rispettivamente Contemplazioni ed Elogi del Quadrato, si assiste a una graduale rarefazione degli spazi costruttivi, inizialmente molto vicini alle tematiche concretiste, e ad un abbandono delle policromie accese riscontrabili nei suoi primi lavori: da questo percorso nascono le opere intitolate Codici Algenici, dove l’artista è interessato a evidenziare il rapporto dialettico che lega la potenzialità morfologica del vivente – rappresentato dall’elemento archetipale – alla valenza signica del DNA, analizzato attraverso le “trasmutazioni alchemiche” offerte dall’ingegneria genetica.

Pomodoro prosegue quindi la propria ricerca focalizzando l’attenzione unicamente sulla matrice cardine del proprio lavoro: l’archetipo piene, per un’esigenza di sintesi, l’unico protagonista delle ultime opere, che si sviluppano seguendo due percorsi paralleli. Vengono così alla luce i Sagomati – lavori realizzati con la tecnica del collage, dove l’interesse si sposta sulla visualizzazione tridimensionale dei persi piani di intreccio della figura primigenia, per arrivare alla logica conclusione della sua rappresentazione nella scultura a tutto tondo – e i Disgiunti, dove la ricerca si concentra sulla scomposizione entropica degli elementi costitutivi dell’Archetipo, in una rappresentazione concettuale delle leggi fisiche della Termodinamica che governano i flussi di energia e, allo stesso tempo, in una allegoria della vita e della morte.

Bruto vive e lavora tra Milano e Pietrasanta, esponendo le sue opere in numerose esposizioni pubbliche e private, sia in Italia che all’estero.

Fra le rassegne pubbliche a lui personalmente intitolate vanno citate le mostre tenutesi nel 1997 a Siena (Palazzo Patrizi), a Riccione (Palazzo Comunale del Turismo) e a Cesena (Galleria Ex Pescheria), intitolate Contemplazioni, la mostra tenutasi nel 2001 a Sarzana (Chiostro di San Francesco) intitolata Bruto Pomodoro – Elogi del Quadrato – 1998/2001, la mostra del 2002 a Courmayeur (Maison Fleur) intitolata Codici Algenici, le rassegne di Pietrasanta (Chiostri di S. Agostino) e di Cattolica (Galleria Comunale S. Croce), intitolate Codici Armonici, entrambe del 2005 e la grande personale tenutasi nel settembre del 2007 a Rimini (Palazzo del Podestà) intitolata Bruto Pomodoro, Evoluzione delle forme archetipo – Viaggio verso la tridimensione.

Della bibliografia, ricca di testi critici a lui dedicati, vanno ricordati gli scritti di Riccardo Barletta, Rossana Bossaglia, Luciano Caramel, Luca Beatrice, Martina Corgnati, Alberto Fiz, Flaminio Gualdoni, Ermanno Krumm, Janus, Roberto Sanesi, Alberto Veca, Caterina Zappia e Marisa Zattini.

PROVERBIO Luciano

Luciano Proverbio nasce ad Alessandria il 9 gennaio 1936, ha vissuto e lavorato a Torino. La sua attività artistica ha origine proverbio_lnell’ambiente culturale torinese dove si trasferisce da ragazzo. Ben presto raggiunse una sua precisa autonomia: le opere degli anni ’60, caratterizzate da un linguaggio figurativo denso di significati simbolici e poetici ne sono la testimonianza.

Accanto alla attività di pittore, condusse una altrettanto intensa attività grafica: è autore de “La Donna e il Diavolo” nel 1972 presentato da Jorge Luois Borges e Gabriele Mandel e dell’omonima cartella contenete sei punte a secco, presentate da Armand Nakache. Cartella che verrà esposta nel 1976 al Museo d’Arte Moderna di Giordania, a Tokio, A Parigi. Negli anni ’70 il suo linguaggio registrò una svolta verso una libertà inventiva fondata sull’uso fantastico e allusivo del colore e del segno.

Nel 1987 espose a Torino nel Palazzo della Regione Piemonte.

Nel 1988 a Ferrara al Palazzo dei Diamanti.

Nel 1988 a Palermo al Palazzo dell’Arcivescovado “ Tota Pulchra “

Questa sua capacità immaginativa ha propiziato l’estensione dell’ attività pittorica nel campo dell’illustrazione di fiabe, racconti, testi letterari e nella esplorazione della memoria.

Autore di numerosi libri d’arte ed esperto delle ceramiche Lenci, ha esposto in numerose rassegne pubbliche e in molte gallerie italiane.

Muore a Torino il 1 maggio 2009

RAMASSO Marco

Marco Ramasso è nato a Torino il 27 febbraio 1964 ed è autodidatta.

ramasso_mA diciassette anni fa il suo ingresso nel mondo artistico vincendo un concorso nazionale di pittura e grafica. Realizza la sua prima mostra personale nel 1986 a Torino.
Nel 1988 collabora con la Giugiaro Design per la realizzazione di una scenografia per una trasmissione RAI.

Nel 1992 apre una Galleria-studio nel centro di Alassio (SV), attività che terrà fino al 1999.
Nel 1997 collabora con la casa editrice Giorgio Mondadori per la rivista Airone.

Moltissimi i suoi viaggi di studio, a contatto diretto con gli animali e i paesaggi, in Africa, Indonesia, Madagascar, Canada e Stati Uniti che gli permettono di rielaborare nel suo studio i dipinti con una grande cura. Artista abilissimo nel dipingere gli animali con estrema precisione dei dettagli, nella forma e nei colori che si evidenziano nel gioco delle luci e della valutazione delle prospettive. Nei suoi viaggi tra l’Africa e il Canada ha assimilato il fascino di quei luoghi dipingendo gli animali anche dal loro paesaggio naturale, trasferendo nelle tele la sua vera e profonda interiorità d’artista.

Dal 2000 collabora con il mensile Piemonte Parchi.

RUGGERI Piero

Piero Ruggeri, nato a Torino il 27 aprile del 1930, ha vissuto e lavorato ad Avigliana (Torino).

ruggeri_pDiplomatosi nel 1956 all’Accademia Albertina Di Belle Arti, nello stesso anno venne invitato alla Biennale di Venezia. Nel 1955, 1957 e 1959, partecipò, nella città natale, a tre edizioni di ‘Francia-Italia’.
L’opera di Ruggeri, che da subito assume un respiro internazionale, ben presto s’inoltra, pur all’insegna di un linguaggio e di motivi peculiari, nell’informale, collocandosi nel cuore più autentico della esperienza italiana, imperniata sulle attività dei gruppi di pittori attivi a Bologna, Milano, Torino.

In seguito Ruggeri assimila le nuove emergenze dell’espressionismo astratto, in cui è agevole individuare l’apertura a riferimenti europei e americani.  Del resto, Ruggeri è pittore ‘colto’, non solo per sensibilità vigile e continuo filtro del dibattito e delle esperienze contemporanee, ma anche per rivisitazione critica, scavo e dialogo, initerrotti fino ad oggi, con la lingua della tradizione pittorica emblematicamente testimoniati dai tanti suoi dipinti che recano, nei titoli, un’esplicito riferimento a Tintoretto, Caravaggio, Rembrandt, Mattia Preti, Goya, Monet.

Partecipò a numerose edizioni della Biennale di Venezia e della Quadriennale di Roma. Vinse i premi nazionali e internazionali tra cui: il Premio Morgan’s e Paint, Solomon Guggenheim New York, Marzotto, San Paolo del Brasile, Fiorino, Lissone, Villa S. Giovanni.

Tra le mostre personali sono da citare: la sala alla XXXI Biennale di Venezia, le antologiche di Palazzo Massari a Ferrara nel 1984, alla Villa Reale di Monza nel 1985, al Circolo degli Artisti a Torino nel 1986, al Liceo Saracco ad Acqui Terme nel 1993, al Battistero di S. Pietro ad Asti, Galleria Comunale d’Arte di Cesena, e Casa del Mantenga a Mantova. A Palazzo Bricherasio a Torino nel 1998, a Palazzo Sarcinelli Galleria Comunale d’Arte di Conegliano (Treviso) nel 2000, al Piccolo Miglio al Castello di Brescia nel 2006, a Palazzo Magnani, Reggio Emilia nel 2008.
Una numerosa serie di mostre personali e collettive vede le sue opere esposte, oltre che in Italia, in Francia, Austria, Svizzera, Belgio, U.S.A., Brasile, Russia, Egitto, Australia, Pechino-Cina, Abu Dhabi-Emirati Arabi.

Tra i critici d’arte che si son occupati del suo lavoro: L. Carluccio, F. Arcangeli, L. Pistoni, G. Ballo, C. Volpe, P. Fossati, M. Valsecchi, R. Tassi, M. Calvesi, E. Crispolti, A. C. Quintavalle, M. Vescovo, F. Gualdoni, F. D’Amico, P.G. Castagnoli, E. Fezzi, E.Pontiggia, M. Bertoni, S. Crespi, C. Cerritelli, D. Trento, F. Fanelli, C. Spadoni, B. Bandini, F. De Bartolomeis, M. Rosci, F. Tedeschi, P. Casè, C. Zambianchi, F. Arensi, C. Guarda, S. Troisi, M. Vallora, F. Poli, M.Goldin, G. Gamand, S. Parmiggiani, F. Licht.
Nel 1995 è stato nominato accademico di S. Luca.

Muore il 14 maggio 2009 ad Avigliana (Torino).

Per una documentazione più ampia si rimanda alla monografia ‘Ruggeri’ edizione Allemandi 1997.

  • Catalogo mostra ‘Piero Ruggeri. Sulla natura’ opere 1974-2000 Palazzo Sarcinelli, Conegliano (Treviso) edizioni Linea d’ombra.
  • Catalogo mostra ‘Ruggeri. Il nero’ 2006, al Piccolo Miglio al Castello di Brescia edizioni Linea d’ombra.
  • Catalogo mostra ‘Piero Ruggeri l’epopea della pittura’, 1955-2007, Palazzo Magnani Reggio Emilia edizioni Skira.

TABUSSO Francesco

Francesco Tabusso nasce a Sesto San Giovanni il 27 giugno 1930.
tabusso_fDopo aver conseguito la Maturità Classica, frequenta lo studio di Felice Casorati.
Fonda, nel 1953, insieme ad Aimone, Casorati, Chessa la rivista “Orsa Maggiore”.
Nel 1954, appena ventiquattrenne, partecipa alla Biennale Internazionale di Venezia, dove sarà invitato anche nel 1956 e nel 1958 e vnel 1966 gli sarà dedicata una sala personale.
Nel 1956 espone alla galleria “La Strozzina” di Firenze, con la presentazione di Felice Casorati. L’anno successivo riceve il Premio “Fiorino” e il Premio “Michetti”.
Nel 1958 è invitato alla Quadriennale di Roma.
Nel 1959 espone per la prima volta alla “Bussola” di Torino, presentato da Luigi Carluccio. Ormai trentenne Tabusso è pittore affermato, e viene invitato alle più prestigiose rassegne internazionali, tra cui New York, Mosca, Bruxelles, Alessandria d’Egitto.
E’ del 1963 la personale alla Galleria milanese di Ettore Gian Ferrari. Insegna Discipline Pittoriche al Liceo Artistico dell’Accademia di Brera a Bergamo ed in seguito, fino al 1984, al Liceo Artistico dell’Accademia Albertina di Torino.
Nel 1975 realizza la Grande Pala Absidale “Il Cantico delle Creature” per la Chiesa di San Francesco d’Assisi a Milano, progettata da Giò Ponti, opera completata successivamente con quattro trittici dedicati ai “Fioretti di San Francesco”.
Nel 1983 la Mostra Antologica a “Palazzo Robellini” di Acqui Terme, la prima di tante: nel 1991 ad Asti in occasione della realizzazione del Palio; nel 1997 al “Palazzo Salmatoris”di Cherasco (TO); nel 1998 alla Sala “Bolaffi” di Torino; nel 2000 al “Centre Saint Bènin” di Aosta; nel 2002 al “complesso Monumentale di S. Michele a Ripa Grande” a Roma; nel 2008 si tiene alla Promotrice delle Belle Arti di Torino una anologica.
Muore a Torino nel gennaio 2012.